Comunicato sul terremoto in Emilia-Romagna

La Segreteria nazionale della Fiom esprime profondo cordoglio per le vittime del nuovo gravissimo terremoto in Emilia-Romagna.

La Fiom Ŕ vicina ai cittadini, alle lavoratrici e ai lavoratori colpiti dal sisma e si stringe intorno alle famiglie delle vittime.

La Fiom intende evidenziare le gravi responsabilitÓ rispetto alla inadeguatezza delle strutture industriali che si sono dimostrate non adatte a resistere in casi di terremoti di tali dimensioni e il cui crollo sta determinando tante vittime.

E' gravissimo che si sia ripreso a lavorare dopo il primo evento sismico senza aver verificato le condizioni di sicurezza degli edifici industriali ben sapendo che le scosse sarebbero continuate.

Per queste ragioni, riteniamo indispensabile che la ripresa del lavoro avvenga solo quando, dopo le necessarie e opportune verifiche, si sia certi che i capannoni industriali siano in sicurezza. A tal fine chiediamo alle Istituzioni e alle imprese di garantire che la ripresa avvenga solo dopo accurati controlli di sicurezza.

La Fiom valuterÓ in rapporto con i delegati e i territori coinvolti dall'evento le opportune iniziative per aiutare e sostenere le lavoratrici, i lavoratori e le popolazioni colpite.

 

Segreteria nazionale Fiom


Roma, 29 maggio 2012